http://i-think-italia.it/category/magazine/dirittialfuturo/

La rivoluzione del test HIV fai-da-te

06/10/2012

La rivoluzione del test HIV fai-da-te-1

E’ in commercio da luglio negli USA il rivoluzionario kit per scoprire nell’intimità della propria casa se si è infettati dal virus HIV. Facile da usare (utilizza un campione di saliva), veloce (il risultato compare in 20-40 minuti) e con un costo piuttosto contenuto (40 dollari), il test fai-da-te promette una affidabilità vicina al 99%.

La sua approvazione, da parte della Food and Drug Administration, è stata comprensibilmente lunga e controversa. Si temeva che la possibilità di scoprire in solitudine di essere infetti, senza il supporto di un medico o di uno psicologo come solitamente avviene a chi si sottopone al test in un setting ospedaliero, potesse causare un’impennata nell’incidenza dei suicidi.

Al di là del rischio dei falsi positivi, qualche dubbio permane anche se nella pratica si è notato che il kit viene utilizzato sempre di più addirittura come metodo estemporaneo di verifica della salute dei partner sessuali: un’applicazione che nemmeno l’azienda produttrice aveva ipotizzato.

E’ difficile immaginare che lo stesso prodotto diventi disponibile anche in Italia, presto. E’ invece facile anticipare il tenore del dibattito che questa possibilità avvierebbe: da un lato il chiaro vantaggio di far accedere più persone, con più facilità, alle terapie antiretrovirali salvavita, ma anche una spinta a “normalizzare” la diagnosi, lottando contro lo stigma tuttora associato all’HIV. Dall’altro, l’isolamento del paziente in un momento di estrema vulnerabilità.

Sarà importante verificare a distanza di 12-24 mesi l’effetto del nuovo test sul numero delle nuove diagnosi.