http://i-think-italia.it/category/magazine/inmeritoaldomani/

Un guanto bionico per rivoluzionare la diagnostica

23/08/2012

Un guanto bionico per rivoluzionare la diagnostica-1

Med Sensation  è un guanto “bionico” nato dal programma di ricerca GSP indetto dalla Singularity University che potrebbe rivoluzionare la diagnostica. Al progetto hanno lavorato due ingegneri (Fransiska Hadiwidjana e Elishai Ezra) con l’aiuto di Andrew Bashare, studente della Harvard Medical School, sotto la direzione del fondatore del fondatore del X-Prize Peter Diamandis e il futurologo Ray Kurzweil. Scopo dell’incontro, creare qualcosa che potesse aiutare un miliardo di persone nei prossimi 10 anni.

Il guanto, che è oggi nella seconda fase di sperimentazione, è fornito di una serie di sensori in grado di percepire suoni, vibrazioni e variazioni nella temperatura. Per un corretto utilizzo è stato installato anche un accellerometro in grado di comunicare all’utente se sta applicando la giusta forza. “Se viene applicata troppa pressione nella parte analizzata, il dispositivo ti avverte con un suono – spiega Elishai Ezra.

Una terza versione del progetto, attualmente ancora in fase di sviluppo dovrebbe includere  un microsensore a ultrasuoni installato nei polpastrelli del guanto mentre le informazioni raccolte verranno immediatamente raccolte e trasferite (via wifi) a un computer o a qualsiasi altro device necessario per la lettura dei dati.

Secondo i creatori, le possibilità che Med Sensation apre sono infinite: sarà possibile effettuare mammografie al seno direttamente a casa e decidere, dopo un accurato screening in grado di comunicare l’esatta posizione e grandezza di un nodulo, se è necessaria una più accurata visita medica. Il guanto può inoltre rilevare ingrossamenti del fegato o dei linfonodi, valutare le possibili cause di un dolore addominale e addirittura “sentire” eventuali anomalie cardiache (grazie agli ultrasuoni).

Per ora il guanto verrà utilizzato nel tirocinio dei medici per migliorare le capacità di analisi e giudizio. Nel caso di feedback positivo il guanto potrebbe essere disponibile anche in ambulatorio. E’ previsto anche lo sviluppo di una versione “consumer” per un utilizzo casalingo del guanto. La speranza dei creatori è quella di semplificare la diagnostica, migliorare la prevenzione e diminuire drasticamente il numero di visite superflue.

Foto: http://medsensation.com/